CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE DI RAVENNA
26 gennaio 2021

Corso per operatore ludico: il Csi Ravenna concede il bis

Il via è fissato per lunedì 15 febbraio

Dopo il grande successo della prima sessione formativo, l’ente di via Guidarello e Cacciatori di idee Odv, sempre in collaborazione con gli Educatori ludici SolCo, ripropongono il percorso formativo per tutte quelle figure, anche, professionali che utilizzano un approccio ludico all’interno dei propri contesti animativi, formativi e educativi. Il via è fissato per lunedì 15 febbraio

Dopo il grande successo della prima edizione, che ha fatto registrare il tutto esaurito, il Csi Ravenna-Lugo, sempre in collaborazione con Cacciatori di idee Odv e con gli educatori ludici del SolCo, organizza ancora con modalità a distanza, il secondo percorso formativo di 10 ore per 'Operatore Ludico'.

Il secondo corso, rivolto principalmente a animatori e educatori, inizia lunedì 15 febbraio (orario 20.30-22.30) e termina giovedì 18 marzo. Come il precedente, è articolato in 5 lezioni con un totale di 10 ore di formazione. E anche per questo corso, il Csi registra il pieno di adesioni, a conferma dell’interesse, della curiosità e dell’effetto novità suscitati. In effetti, la figura dell’educatore ludico nasce per quelle persone che vogliono utilizzare all'interno dei propri contesti, anche educativi, un approccio ludico che utilizza forme strutturate di gioco tipiche dei giochi da tavolo e dei giochi di ruolo. La collaborazione tra realtà differenti come il mondo del volontariato, l’ambiente sportivo, l’attività degli educatori delle cooperative La Pieve e Progetto Crescita e i professionisti Sir Chester Cobblepot, azienda produttrice di giochi da tavolo, ha permesso a tutte le professionalità coinvolte di importare nelle loro attività quotidiane l’utilizzo del gioco da tavolo come strumento educativo. Tutte le situazioni sono occasioni che diventano strumenti di abilitazione.

L’esperienza degli educatori ludici, nata quindi con l’intenzione di dedicarsi alle persone con disabilità, alle difficoltà sociali e a tutte le fragilità, poi 'esportata' a diversi contesti, diventa un volano per tutte quelle figure che svolgono un’attività educativa formale  o informale, con l’intenzione di incentivare percorsi adeguati alle esigenze ed alle funzionalità delle persone a cui saranno destinati.

Il Csi Ravenna, che vanta una ventennale collaborazione con il mondo cooperativo sociale al servizio delle persone con disabilità attraverso il progetto “Sport, Salute e Socialità”, si è fatto promotore del corso dedicato ad animatori, operatori sportivi e operatori dei centri estivi ma anche per insegnanti, educatori, psicologi, pedagogisti, bibliotecari e interessati.  Gli obiettivi del corso sono, principalmente, due: da un lato formare operatori ludici' in grado di programmare interventi educativi legati al gioco strutturato che siano coerenti con gli obiettivi richiesti dal contesto in cui si opera; dall’altro creare un gruppo di lavoro disposto a investire le conoscenze acquisite nella progettazione di formazione e nella conduzione di laboratori nei rispettivi ambiti, con la possibilità di approfondire la formazione con un corso di secondo livello.

I docenti sono sempre Gabriele Mari, educatore La Pieve e game designer; Matteo Pironi, psicologo dei gruppi e formatore Progetto Crescita; Christian Rivalta, educatore e vice presidente La Pieve. È prevista la partecipazione di Giacomo Santopietro, team principal Sir Chester Cobblepot. In questo periodo è stato necessario scoprire e rivalutare nuove 'tecnologie' per sviluppare una innovativa modalità di lezione frontale, simulazione e role playing, dando la possibilità di giocare anche a distanza. A questo proposito, in primavera, al termine del corso, verranno organizzati dei seminari tematici di approfondimento.

Con la volontà di non divenire una esclusiva esperienza ma parte di una rete educante che possa contagiare ed essere contagiata da altre situazioni, in questi ultimi mesi di distanza sono nate nuove idee.  Un obiettivo molto importante è di sfruttare la Peer Education facendo incontrare giovani ragazzi che possano essere poi promotori nei loro ambienti di queste attività formative; valorizzando i principi della cittadinanza europea che favoriscano lo sviluppo delle persone; sviluppando  interazioni con altre associazioni e realtà anche all’esterno dei territori locali per creare un movimento positivo e propositivo; mettersi a disposizione con tutti gli enti formativi che vogliano sedersi con il Csi per progettare nuovi percorsi.

L’estate scorsa un percorso degli educatori ludici, Sir Chester Cobblepot, Csi Ravenna, i Cacciatori di Idee odv ed il Comune di Ravenna con il progetto Lavori in Comune, ha portato alla realizzazione del gioco Tell Me un Fàt, che unisce le immagini della CAA con il testo in inglese ed in dialetto romagnolo per creare uno strumento che possa abbracciare le esigenze formative dei ragazzi ma con la voglia di rendersi utile anche per gli anziani del territorio.

 

Presentazione

Questo percorso  per “Operatore Ludico” è stato pensato per quelle figure professionali che vogliano utilizzare all'interno dei propri contesti, anche educativi, un approccio ludico che utilizza forme strutturate di gioco tipiche dei giochi da tavolo e dei giochi di ruolo. 

I moduli didattici saranno dedicati all'analisi delle caratteristiche di questo tipo di giochi, alle abilità cognitive e relazionali connesse, alle pratiche di utilizzo e di modifica, al fine di acquisire la consapevolezza dello strumento e la competenza necessaria per impostare un programma educativo personalizzato e concreto. 

Obiettivi

- Formare “operatore ludici” che siano in grado di programmare interventi educativi legati al gioco strutturato che siano coerenti con gli obiettivi richiesti dal contesto in cui si opera. 

- Creare un gruppo di lavoro disposto a investire le conoscenze acquisite nella progettazione di formazione e nella conduzione di laboratori nei rispettivi ambiti, con la possibilità di approfondire la formazione con un corso di secondo livello.

Temi trattati

- Il gioco strutturato come strumento educativo

- Il gioco da tavolo (storia, utilizzo, creazione e produzione)

- Tecniche di modifiche  e personalizzazione strumenti educativi

- Pianificazione e strutturazione di percorsi ludici

- Tecniche e pratiche di utilizzo

Struttura del corso

Il corso è formato da 10 ore di formazione, suddivise in 5  incontri da 2 ore. La metodologia utilizzata durante la formazione riguarda lezioni frontali, esercitazioni individuali e in piccolo gruppo anche con il supporto di video, simulazioni e role playing. Alla fine del corso sarà richiesta la presentazione scritta di un progetto ludico.

Destinatari

Insegnanti, educatori, psicologi, pedagogisti, bibliotecari, animatori, operatori sportivi, operatori dei centri estivi

Programma

15/02/2021, 20.30-22.30
A che gioco giochiamo. Il gioco strutturato: definizione, caratteristiche e peculiarità, dalla teoria alla pratica.

 

22/02/2021, 20.30-22.30
C’è gioco e gioco. Il gioco strutturato nella prospettiva educativa: i concetti chiave, i principi metodologici e la molteplicità dei contesti di applicazione.

 

01/03/2021, 20.30-22.30
Ad ognuno il suo gioco. Obiettivi e adattamento al contesto: scegliere, modificare, facilitare, coinvolgere. Analisi dei percorsi realizzati, individuazione delle esigenze educative, progettazione di interventi futuri.

 

11/03/2021, 20.30-22.30
Giocare a teatro - Giochi fuori dalle scatole: tecniche di animazione: teatrale, espressiva, musicale, motoria, ludica

 

18/03/2021, 20.30-22.30
La valigia dell’operatore ludico: Progettazione di interventi futuri. Strutturare un percorso ludico educativo, obiettivi e modalità operative

 

N.B. I titoli degli incontri è indicativo, potrebbero variare prima dell'inizio del corso.

Organizzatori

Cacciatori di Idee ODV e CSI Ravenna, con la consulenza operativa della Cooperativa Sociale La Pieve, della Cooperativa Sociale Progetto Crescita e con la consulenza ludica di Sir Chester Cobblepot.

Docenti

- Gabriele Mari, educatore La Pieve, game trainer Erickson e game designer Sir Chester Cobblepot

- Matteo Pironi, psicologo dei gruppi, formatore Progetto Crescita, game trainer Erickson e sviluppatore Sir Chester Cobblepot

- Christian Rivalta, educatore e vice presidente La Pieve

Con la partecipazione di:

- Giacomo Santopietro, team principal Sir Chester Cobblepot